Rateizzazione della bolletta della luce, termini e modalità

624

Molte famiglie faticano a rispettare i tempi di pagamento delle bollette della luce, così la richiesta di rateizzazione del debito accumulato in quest’ultimo periodo cresce in maniera esponenziale. Le condizioni e i termini per la richiesta di dilazione di pagamento tuttavia sono differenti se si è clienti del mercato di maggiore tutela, Enel servizio elettrico, oppure del mercato libero, vedi Enel Energia e tutte le altre società elettriche private.

Il Garante per l’energia elettrica e il gas (Aeeg), per il mercato di maggior tutela, ha di recente approvato con la delibera n. 258/2015 nuove norme che prevedono modalità più confortevoli a favore dei consumatori quindi con tempi di mora più lunghi e rate più comode. Innanzitutto, è possibile chiedere la dilazione del debito anche quando la bolletta è scaduta ed entro massimo 10 giorni.

Ma ecco di seguito le altre novità introdotte, possono chiedere la dilatazione:

  • Gli utenti con contratti che prevedono fatturazioni con cadenza non mensile, se la bolletta di conguaglio è del doppio superiore all’addebito medio delle bollette in acconto ricevute dopo la precedente e l’ultima bolletta di conguaglio.

Se, per esempio, le ultime cinque bollette in acconto sono state mediamente di 30 euro ciascuna, il cliente può chiedere la rateizzazione quando la sua bolletta di conguaglio è pari o superiore a 60 euro.

  • Quando viene chiesto il pagamento di consumi non registrati dal contatore, a causa di un malfunzionamento dello stesso.
  • I clienti con contatore accessibile a cui, a causa di una o più mancate letture, sia richiesto il pagamento di importi ricalcolati sulla base di consumi effettivi.

In merito al mercato libero possiamo affermare che le regole sono quelle previste dal contratto a cui è bene che l’utente si rifaccia per verificare le condizioni e i termini e ottenere così il pagamento a rate. Nel caso in cui non si disponga di una copia del contratto è possibile scaricare le condizioni negoziali dal sito della relativa società.

La rateizzazione si attua secondo le seguenti modalità:

  1. Le somme oggetto di rateizzazione sono suddivise in un numero di rate successive di ammontare costante pari almeno al numero di bollette di acconto o stimate, ricevute successivamente alla precedente bolletta contenente ricalcoli e comunque non inferiore a due
  2. Le rate, non cumulabili, hanno una periodicità corrispondente a quella di fatturazione, fatta salva la facoltà per l’esercente di imputare le rate a mezzo di documenti diversi dai documenti di fatturazione e di inviarle separatamente da questi ultimi
  3. Le somme oggetto di rateizzazione sono maggiorate degli interessi, il tasso di riferimento viene fissato dalla BCE e calcolato dal giorno di scadenza del termine fissato per il pagamento della bolletta.