Cambiamenti per il bonus docenti 2017

571

A partire dallo scorso anno i docenti di ruolo hanno a disposizione un bonus formativo dal valore di euro 500 da spendere per l’aggiornamento professionale. Nella sua prima erogazione tale bonus è stato assegnato con accredito sullo stipendio, ma con l’inizio di questo nuovo anno scolastico tale sistema di erogazione è stato modificato. Questi cambiamenti sono stati annunciati con il Piano di formazione riservato agli insegnanti e attraverso una nota del 29 agosto 2016 relativa alla rendicontazione delle spese dello scorso anno.

Vediamo nel dettaglio come è possibile usufruire di questo bonus formativo

L’importo resta lo stesso, 500 euro, ma il bonus sarà assegnato attraverso un “borsellino elettronico”. Dal sito del MIUR si legge che entro il 30 Novembre sarà disponibile l’applicazione “Carta del Docenteall’indirizzo: www.cartadeldocente.istruzione.it.

Attraverso questa applicazione sarà possibile effettuare acquisti presso i commercianti egli enti accreditati riconosciuti come idonei alla vendita di beni e servizi che rientrano nelle categorie previste dalla norma.

Il docente con l’utilizzo di questa applicazione può generare quindi dei “Buoni spesa” per:

  • acquistare pubblicazioni e riviste utili all’aggiornamento professionale, anche in formato digitale;
  • acquistare hardware e software;
  • iscriversi a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’Istruzione;
  • iscriversi a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale;
  • acquistare biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche;
  • acquistare biglietti di musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo;
  • iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione.

Per poter utilizzare la “Carta del Docente” bisognerà ottenere l’identità digitale SPID presso uno dei gestori accreditati, il cui elenco è consultabile all’indirizzo: http://www.spid.gov.it/richiedi-spid, ed è già possibile acquisire le credenziali SPID e registrarsi all’applicazione. Dalla registrazione si otterrà un codice unico che consentirà di accedere, con un’unica username e un’unica password, ad un numero sempre crescente di servizi pubblici consultabili all’indirizzo: http://www.spid.gov.it/servizi.