Ritardi voli Ryanair su Palermo, Pisa e Bologna

589

Nella giornata del 28 Novembre 2016 i passeggeri della compagnia aerea Ryanair hanno subito pesanti disagi. Vediamo nel dettaglio quali sono i voli e gli aeroporti coinvolti:

Tratta Pisa – Palermo: il volo FR 9584 in partenza per le ore 6.35 del mattino è stato più volte riprogrammato: dalle ore 8.00 alle 11.35 e dalle ore 11.35 alle ore 13.00, per poi essere definitivamente cancellato.

Tratta Palermo – Bologna: il volo FR 4799 ha causato ai viaggiatori un ritardo di più di 5 ore. La partenza dall’aeroporto siciliano delle ore 8.25, infatti, è stata riprogrammata per le ore 13.50 e i passeggeri riuscivano ad arrivare all’aeroporto Guglielmo Marconi alle ore 15.10.

La compagnia Ryanair precisava che tali ritardi sono da ricondursi al maltempo ma la responsabilità dell’accaduto è ancora da accertarsi.

I passeggeri vittima di tali ritardi, salvo i casi di eventi riconducibili a forza maggiore e caso fortuito,  hanno diritto di richiedere il pagamento di una compensazione pecuniaria (a titolo di rimborso o indennizzo) che, nel caso di specie, è pari ad euro 250,00, oltre alla possibilità di richiedere un ulteriore risarcimento per i danni subiti se prontamente documentati.

La normativa che si applica alle ipotesi di ritardo aereo è il Regolamento Europeo 261/04, il quale prevede che l’entità della compensazione da corrispondere al passeggero vittima del disagio (per le ipotesi di ritardo superiore alle tre ore, cancellazione del volo, negato imbarco) possa variare da euro 250 a euro 600, a seconda dei seguenti casi:

  • euro 250 per tutte le tratte aeree di lunghezza inferiore o pari a 1500 km;
  • euro 400 per le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 km e per tutte le altre tratte comprese tra 1500 e 3500 km;
  • euro 600, infine, per le tratte di volo internazionali superiori a 3.500 km.

Fai valere i tuoi diritti di passeggero contattando Assoinforma, un consulente valuterà GRATUITAMENTE le tue richieste di assistenza fino al giusto risarcimento.