Ryanair, migliaia i voli cancellati

409

 

Molti viaggiatori che hanno prenotato un volo con la compagnia aerea Ryanair si ritrovano con un pugno di mosche in mano poiché non riusciranno a raggiungere la meta desiderata.

L’Agcm, con provvedimento PS10972, dopo aver analizzato le modalità con cui Ryanair ha comunicato ai clienti opzioni e diritti legati alla cancellazione dei voli, ha disposto una serie di azioni che la compagnia aerea dovrà mettere in atto.

Nel dettaglio, Ryanair dovrà provvedere “ad informare i consumatori italiani – con pari chiarezza – dei diritti nascenti dalle cancellazioni dei voli”, sia sul sito internet sia nelle comunicazioni inviate ai clienti tramite sms e mail. Le informazioni, inoltre, dovranno essere reperibili già dalla home page del sito internet di Ryanair in italiano “per un lasso di tempo adeguato al’importanza e rilevanza dell’evento”, relativamente “al complesso dei diritti spettanti al consumatore”, per rimborsi, modifica del volo cancellato e compensazione pecuniaria, “all’elenco completo delle date, delle tratte e del numero di ogni volo cancellato in relazione al quale è sorto il diritto di rimborso, alla modifica gratuita del volo e alla compensazione pecuniaria, ove dovuta” (prevista dal Reg. CE 261/04)  e “alla procedura da seguire per richiedere il rimborso, la modifica gratuita del volo e la compensazione pecuniaria”.

La normativa che si applica alle ipotesi di ritardo aereo e di cancellazioni del volo è il Regolamento Europeo 261/04, il quale prevede che l’entità della compensazione da corrispondere al passeggero vittima del disagio (per le ipotesi di ritardo superiore alle tre ore, cancellazione del volo, negato imbarco) possa variare da euro 250 a euro 600, a seconda dei seguenti casi:

  • euro 250 per tutte le tratte aeree di lunghezza inferiore o pari a 1500 km;
  • euro 400 per le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 km e per tutte le altre tratte comprese tra 1500 e 3500 km;
  • euro 600, infine, per le tratte di volo internazionali superiori a 3.500 km.

Fai valere i tuoi diritti di passeggero contattando ASSOINFORMA, un consulente si prenderà cura delle tue richieste GRATUITAMENTE fino al giusto risarcimento.